Scritta

Scritta

giovedì 2 gennaio 2014

Lo Stato Sociale - Seggiovia sull'Oceano (2012)

Intro:   Do  Fa     Do   Fa     Do   Fa

Do
   Possibile che non abbia mai ingoiato nessuno quella sciarpa
Fa
    La tieni così alta
                Do                         Fa
Ma come fai a respirare?
Do    
     Lo dicono anche a me ch m’addormento
                                              Fa
con la coperta fin sopra i capelli Fin sopra i pensieri
                           Do                                         Fa
Eppure non ti smetto ancora di sognare
Do
       Le tue palle degli occhi rotolano morbide
                Fa
Come dirigibili in un aquario Come clessidre nella bocca di una tromba d’aria
Do                                          Fa
       Come l’aria che si fa portare
Do
       E rimbalzano tra un trillo del telefono
                                       Fa
un grecismo buffo una bambola di pane
                              Do
E sulla strada per casa trovano me une un attimo prima
         Fa                                        Do       Fa     Do    Fa
Di decidere Di scegliere Di scappare

Lam                                                       Sol
      Se avessi tempo ti regalerei i miei denti
                           Do                                Fa
Per lasciarti comporre i miei sorrisi migliori
                    Lam                         Sol
Dei fiori a spruzzo per un bacio dentro la pioggia
                 Do         Fa
Da fotografare
Lam                                                Sol
        Un obiettivo concreto Per poterti disimpegnare
               Do                                   Fa
Un’altra crisi da non volere più pagare
                              Lam                                    Sol
Una lacrima sulla scarpa Una bombola nella sciarpa
              Do                               Fa
E una pellicola di cuore da lasciarti sbucciare
                      (Fa)                        Sol
Ma dimmi com’è    Ma dimmi dov’è
                             Do         Fa       Do     Fa
Che bisogna scappare

Do
      Vorrei avere i baffi più scuri vorrei sembrare un vero uomo
           Fa
Vorrei essere bello come mi credi Vorrei
               Do                       Fa
Che ti potessi sbagliare
Do
    Avere il successo di un principe delle balere
                                      Fa
di un segugio di donne facili Di un sultano barzellettiere
                             Do
Portarti dentro un letto e convincerti
                         Fa
Che è un astronave e stare in orbita
                                 Do
E mangiare solo mentine e bere solo aranciata
                                   Fa
E tapparti il naso e dirti che si può vivere senza respirare
                                    Do
E chiuderti gli occhi e dirti che si può guardare il sole
Fa                              Do        Fa
        Ma senza farsi male
                                          Do
Ci sono brutti quartieri sull’altra faccia della luna
                                                             Fa
Saturno invece è molto vivo il sabato sera
                                (Fa)
Su mercurio i veri stronzi si fanno di spritz
                            Do
Su giove sono chiusi i negozi il lunedì niente compere
                                        Fa
Io dico io dico io dico io dico
                     Do                            
Io dico che a letto dobbiamo restare
Fa                                 Do        Fa
       E non va poi così male

Lam                                                   Sol
       Se avessi spazio ti offrirei una nuvola
          Do              Fa        
In un paradiso fiscale
               Lam                                      Sol
Vuoi una seggiovia sull’oceano o una pista da sci
            Do         Fa
sulle scale?
Lam                                                             Sol
     E una coda alle poste di gente che ha scritto il tuo nome
                                 Do                             Fa
Su un giornale di annunci ma Come editoriale
                               Lam                                              Sol
È una promessa già falsa Questa speranza di carta
                                     Do                                                           Fa
È il tuo primo morso              a quello che avevi iniziato a sbucciare
                   (Fa)                        Sol      
Ma tanto lo so    Che si è fatto tardi
Do                                             (Chiude)
      ...E devi proprio scappare

Nessun commento:

Posta un commento