Scritta

Scritta

sabato 4 ottobre 2014

Lucio Dalla - Cara


Do9
Rem*
Do7+










Intro:  Do7+  Rem7  Sol  /   Do    Fa   Do   Fa  (X2)

Do                  Do7+                    Fa                 Sol7
     Cosa ho davanti, non riesco           più a parlare
                      Mim                          Rem
dimmi cosa ti piace, non riesco a capire,
                          Do     Fa                              [Do7+  Rem7  Sol   /  Do  Fa]            
dove vorresti andare           vuoi andare a dormire.

Do                                       Do7+                               Fa
      Quanti capelli che hai,             non si riesce a contare
                   Sol7                          Mim
sposta la bottiglia e lasciami guardare
                   Rem                    Do        Fa
se di tanti capelli, ci si può fidare.

Do                                                        Do7+    
      Conosco un posto nel mio cuore
                               Fa                                        Sol7
dove tira sempre il vento per i tuoi pochi anni
                                  Mim                                  Rem
e per i miei che sono cento non c'è niente da capire,
                               Do          Fa
basta sedersi ed ascoltare.

Do                                          Do7+
      Perché ho scritto una canzo - ne
                        Fa                              Sol7
per ogni pentimento e debbo stare attento
                          Mim                                Rem
a non cadere nel vino o finir dentro ai tuoi occhi,
                           Do     Rem7   Mim   Fa
se mi vieni più vicino...

    Solm                      Do7
La notte ha il suo profumo
                         Fa
e puoi cascarci dentro che non ti vede nessuno.
          Solm                             Do7
ma per uno come me, poveretto,
                  Rem               Sib          Rem                      Re7
che voleva prenderti per mano e cascare dentro un letto - o...
      Solm     Do                    Fa    Re7
che pena...         che nostalgia
                              Solm       Do                    
non guardarti   negli occhi            e dirti un'altra
    Rem  Sib  Rem  Re7
bugia...          Ah!
Solm       Do                                  Fa     Re7                    
Almeno           non ti avessi incontrato
                          Solm      Do    
io che qui sto morendo            e tu che mangi
    [Rem   Rem*  Rem7  Rem*] X2
il gelato.

Do                                       Do9                              Fa
     Tu corri dietro al vento             e sembri una farfalla
                              Sol7  
e con quanto sentimento ti blocchi
                         Mim                                      Rem
e guardi la mia spalla se hai paura a andar lontano,
                         Do             Fa
puoi volarmi nella mano
Do                          Do9                         Fa
      ma so già cosa pensi, tu vorresti partire
                             Sol7                  
come se andare lontano
                           Mim                                  Rem
fosse uguale a morire e non c'e' niente di strano
                           Do     Fa
ma non posso venire
Do                              Do9                                  Fa
      Così come una farfalla ti sei alzata per scappare
                                    Sol7        
ma ricorda che a quel muro
                                Mim                                 Rem
ti avrei potuta inchiodare se non fossi uscito fuori
                                     Do      Fa
per provare anch'io a volare
Do                          Do9                           Fa
     e la notte cominciava a gelare la mia pelle
                                      Sol7
una notte madre che cercava
                           Mim                                Rem
di contare le sue stelle io li sotto ero uno sputo
                            Do                            Rem7   Mim   Fa
e ho detto "olè"          sono perduto.

    Solm                         Do7
La notte sta morendo
                          Fa
ed è cretino cercare di fermare le lacrime ridendo
          Solm                                  Do7
ma per uno come me l' ho gia detto
                  Rem               Sib        Rem                    Re7 (Stop)
che voleva prenderti per mano e volare sopra un tetto.
     Solm   Do                       Fa       Re7
Lontano           si ferma un treno
                    Solm        Do                
ma che bella mattina,           il cielo
      Rem    Sib   Rem   Re7 (Pausa)
è sereno
         Solm     Do                Fa    Re7
Buonanotte,           anima mia
                          Solm     Do
adesso spengo la luce            
        [Rem   Rem*  Rem7  Rem*  /  Rem  Rem*  Re7]
e così sia...

Stacco Finale:   Sol  Sol7+   Do   Re  /  Sim  Lam  /  Sol  Sol7+  Lam7  Re  (X4 e Chiude Sfumando)

5 commenti:

  1. Gli accordi più accurati che sia riuscito a trovare finora. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il principio che mi ha fatto aprire il blog, tanti anni fa. Accuratezza, precisione. ;)

      Elimina
  2. Premettendo che il Do9 ("Tu corri dietro al vento e sembri una farfalla ..." per intenderci) è privo del necessario intervallo di 7ma, per cui va denominato Doadd9, provate a sostituirlo con Dosus2, ovvero privo della modale e col Re (a vuoto) immediatamente dopo al basso e fatemi sapere. In effetti, enarmonicamente si potrebbe intendere come l'accordo di dominante (Sol maggiore) col "pedale" Do al grave. Lo scenario è apparentemente simile ma, in effetti, cambia radicalmente e, a nostro modesto avviso, è aderente all'originale. Provate a suonare entrambe le versioni.
    Dalle mie parti si usa dire "Pe' n'acino 'e pepe se perde 'a menestra" (per un acino di pepe in più la minestra può risultare immangiabile)
    N.B. - Vi è anche un altro piccolo "ingrediente" che manca in un altro punto.
    Saluti & cordialità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' evidente che questo è un consiglio estremamente sapiente, di una sapienza che, con molta umiltà, ammetto di non possedere. Vi ringrazio davvero, davvero tanto! Sono questi consigli che conferiscono "professionalità" a un'attività che, di per sé, nasce come amatoriale. Un caro saluto!

      Elimina