Scritta

Scritta

venerdì 24 agosto 2012

VillaZuk - Villaggio Zucca

Do Sol Lam   Do Sol Lam
          Do                                  Sol                                Lam
Nel villaggio zucca passano le strade pronte per l'attivazione mattutina
           Do                                Sol                              Lam
c'è chi passa serio chi sorride c'è chi corre con l'agitazione repentina
Do                Sol                         La
una guida turistica può indicare solo certi posti
         Do          Sol             La
ma quello che si fa la giù ... no

            Do                                   Sol                                     Lam
Com'è strano dal pontile quando arrivi nella piazza che sta in mezzo alle colline
        Do                                  Sol                                 Lam
una col magnete in testa l'altra con un grattacielo che si sente più virile
Do                       Sol                     La
la terza un prato magico mille fiori cambiano colore
Do                  Sol                         La
la staccionata morbida segue la capanna che si muove

            Do                               Sol                                         La
Qui ci vive una bambina dolce che non cresce ma trasforma tutto quando vuole
                  Do                               Sol                                 La
con gli occhioni grandi corre col cestino di biscotti che stravolgono le gole
Do                      Sol                            La
Imma non sa distinguere è sempre contenta perché pura
Do                      Sol                            La
Imma non sa che perdere nelle facce piene di paura

            Do                                         Sol                                   La
Canticchiando verso il grande grattacielo col portone austero suona la campana
            Do                                  Sol                                         La
dona i suoi biscotti allo sportello che l'usciere va in subbuglio per la settimana
Do                   Sol                              La
e senza entrare se ne va non importa l'esito d'assaggio
Do                      Sol                      La                            Sol Re La (X2)
Imma non sa che farsene lei li fa soltanto per istinto

            Do                           Sol                              La
Dietro cumuli di pratiche di carte da rispondere decide il grande Senno
            Do                                      Sol                               La
che s'innervosisce quando arriva il cesto della bimba che lo vince anche nel sonno
Do                      Sol                               La
già quando bussano alla porta fa la faccia buia al suo facchino
Do                     Sol           La
ma quando resta solo lui ... no

            Do                                 Sol                                     La
Chiama la sua segretaria e chiede di non disturbare con la scusa del lavoro
          Do                                  Sol                                    La
slaccia la cravatta ed esce sul terrazzo grande posto sopra il centesimo piano
Do                      Sol                                  La
assaggia chiude gli occhi e poi apre le sue mani per volare
Do                      Sol                          La
Senno lo sa ch'è magico ma deve rientrare a ragionare

         Do                             Sol                                         La
Maledetta situazione Senno rischia il suo controllo nel trovare soluzioni
          Do                                          Sol                       La
se la prende col collega Perce che dall'altra sua collina spaccia informazioni
    Do                      Sol                           La
"che cazzo c'entro adesso io se mi fermo tu non sai che fare"
Do                   Sol                               La
gli dice Perce e poi va via "devo continuare a lavorare"

     Sol                            Re          La
È meglio una direzione giusta ... di una risposta facile
     Sol                       Re        La
l'immaginazione nella testa ... non può restare immobile (X2)


             Do                                     Sol                               La
Senno specchia le sue facce strane che si passano staffetta dal corretto al bello
                 Do                          Sol                              La
crede in protezioni sane ma l'amore lo difetta vuole chiudere l'ombrello
    Do            Sol                           La
strega paura vattene bestia buona solo a rinunciare
Do                       Sol           La
tu non mi fai più scegliere ... no

          Do                               Sol                               La
Imma non conosce la destinazione dei cestini che prepara la mattina
           Do                                     Sol                                    La
non lo sa che di nascosto passa il trafficante d'ego che ha vergogna della scena
Do                   Sol                           La
baratta sogni e fantasia con racconti di chi si accontenta
 Do                  Sol                     La
Senno pieno d'ipocrisia evita l'amore che fomenta


        Do                              Sol                          La
Spazi senza decisione spazi senza direzione dove lo scontato vale
         Do                                   Sol                                   La
sono tutte zucche povere che scambiano farfalle per ricchezze senza sale
Do                Sol                             La
l'onda dell'abitudine cresce piano prima d'allagare
 Do                   Sol                          La
ma se raggiunge l'orlo poi riconoscerlo può fare male

     Sol                            Re          La
È meglio una direzione giusta ... di una risposta facile
     Sol                       Re        La
l'immaginazione nella testa ... non può restare immobile (X2)

            Do                             Sol                                La
Senno dorme ma si agita e si sveglia col sapore dei biscotti ancora in bocca
          Do                         Sol                                 La
esce fuori al buio e coglie fiori sulla piccola collina del villaggio zucca
 Do                 Sol                               La
guarda la luna e se ne va e al mattino stende le sue braccia
Do                Sol                               La
al sole ed alla sua città mentre sotto canticchiando passa

         Do                          Sol                                         La
Fa cadere la sua lacrima ridendo mentre osserva la bambina dal terrazzo
            Do                             Sol                                        La
"è una condizione utopica ma sono ormai deciso e non mi frega d'esser pazzo"
Do                       Sol                     La
aspetta il cesto e scende giù va correndo per le strade
Do             Sol                      La
a regalare a tutti un po' di colori per sognare

     Sol                            Re          La
È meglio una direzione giusta ... di una risposta facile
     Sol                       Re        La
l'immaginazione nella testa ... non può restare immobile (X2)

(Ritornello strumentale)
         Do                                  Sol                                La
Nel villaggio zucca passano le strade pronte per l'attivazione mattutina
             Do                            Sol                             La
Imma insegue le farfalle e tutti cantano felici quando passa la bambina

Nessun commento:

Posta un commento