Scritta

Scritta

sabato 22 febbraio 2014

Giorgio Gaber - Il Contrattempo

Intro:  Re   /   Do  Re

         Re
Cosa faccio sdraiato per terra proprio in mezzo a una strada
                         Do
nel cuore della notte?
            Sol
Devo avere anche un'aria bizzarra
        Solm                                          Re
ho la testa pesante, ho le ossa tutte rotte.
             Do                                                        Sol
Non mi sembra una cosa normale, nemmeno civile
                                             Re     /    Do Re  /   Do
ma mi han dato un sacco di botte.

          Re
Ci vorrebbe un'indagine seria sarà stato uno scherzo
                                  Do
o forse anche un agguato.
        Sol  
Ho bisogno di avere ben chiara
         Solm                                                       Re
la meccanica dell'incidente sennò non chiedo aiuto.
         Do                                                                 Sol
E pensare che al mondo c'è un sacco di brave persone
                                             Re      /    Do Re  /   Do
mi han picchiato di santa ragione.

    Re
Guarda che doveva capitare
                            Do
proprio a me che son gentile
                                Sol
son disponibile e sociale sono contro la guerra
          La
che figura col culo per terra
                           Re
non son mica ubriaco, non è mica vino
                           Do
una maschera di sangue, io l'ho sempre detto
                        Sol
non mi fido di Milano ci vorrebbe un cerotto, una fascia
        La
oltretutto tra due giorni è il compleanno di Katiusha.

Re
Ohi, ohi, ohi, ohi, ohi, che male
Do
ohi, ohi, ohi, chi è stato il vile
   Sol                    Solm             Re
che mi ha preso a pugni di sorpresa.
(Re)
Ohi, ohi, ohi, ohi, ohi, che male
Do
ohi, ohi, ohi, non ho parole
Sol                Solm           Re
oltre che al dolore c'è l'offesa.
Fa               Sol            Re
Io non ho paura di nessuno
      Fa              Sol               Re
ma forse erano anche più di uno.

(Re)                                
Erano senz'altro due,
                           Do
erano anche grossi sarò stato pronto di riflessi
Sol                            
      sarò stato padrone
                  La
della situazione? Si direbbe di no dal labbrone
           Re
mi fa male anche una coscia
            Do
meno male che c'ho ancora in tasca
                            Sol
il regalino per Katiusha si fa per dire,
              La
così conciato non ci posso andare.

             Re                                      Do
Ma ora basta! Forse è meglio sminuire meglio pensare
                        Sol
che son stato bravo che se uno si comporta
          La
con onore mi hanno detto passa tutto anche il dolore.

Re
Ohi, ohi, ohi, ohi, ohi, che male
Do
ohi, ohi, ohi, chi è stato il vile
  Sol                     Solm             Re
che mi ha preso a pugni di sorpresa.
(Re)
Ohi, ohi, ohi, ohi, ohi, che male
Do
ohi, ohi, ohi, non ho parole
Sol                Solm            Re
oltre che al dolore c'è l'offesa.
Fa                  Sol            Re
Io che sono sveglio di natura
 Fa                 Sol            La4     La      /     Re
se non ho reagito, che figura!

            (Re)
Sono ancora sdraiato e resisto senza chiedere aiuto
                           Do
dubbioso e riflessivo.
      Sol
È sicuro che mi hanno picchiato
             Solm                                         Re
ma anch'io sono stato tutt'altro che passivo.
            Do                                                    Sol
Non ho fatto figure meschine di cui vergognarmi
(Solo voce)                        Re       Do  Re  /  Do
ma soltanto un errore sportivo.
    Re
È vero, mi han gonfiato
Do                          Re
     ma mi sono piaciuto...
  (Re)     Do      Re       Do      Re        Do   Re (Chiude)
Aiuto...           aiuto...           aiuto!

Nessun commento:

Posta un commento