Scritta

Scritta

lunedì 17 marzo 2014

Nobraino - I Signori della Corte


Intro:  Sol   Do   Lam    Re Re4  (X2)

      Sol        Do             Lam               Re        
Alla luce dei fatti di cui sono a conoscenza
 Re4    Sol             Do             Lam            Re
posso dire con certezza di non essere più pazzo
             Sol      Do            Lam          Re    Re4    Sol      
di un cavallo, al limite più bello, ammessa dimostrabile
          Do            Lam         Re
la pazzia dell'animale già citato
      Sol            Do                Lam           Re
da me considerato spesso metro di misura
 Re4      Sol          Do           Lam         Re    
per mentali inefficienze... umane deficienze.

    Sol           Do              Lam              Re        
All'epoca dei fatti ero un grande sognatore
        Sol               Do     Lam            Re        
della razza che la vita la vivono col cuore,
          Sol               Do                Lam         Re        
descrivevo con disprezzo la società del capitale
           Sol              Do       Lam             Re        
e l'amarezza del sudore, il puzzo del sudore.
         Sol           Do                    Lam            Re        
Disegnavo sulla sabbia i miei progetti esistenziali,
    Sol             Do           Lam          Re        
miraggi nel deserto, gabbiani senza ali,
     Sol               Do              Lam             Re        
fervevo di ambizioni di improbabile attuazione,
     Sol                Do                Lam             Re        
cercavo il treno giusto ma non ero alla stazione

          Sol             Do             Lam        Re       Re4          
e il destino non deraglia per venirti a cercare
       Sol       Do       Lam        Re          
"trovare i binari per farsi investire!"
Re4   Sol          Do      Lam          Re      
di  -  ceva mio nonno capo - stazione
 Re4   Sol          Do      Lam              Re      
che    vide da vicino le ruote di un vagone
 Re4  Sol         Do      Lam          Re     Re4  
nell'    ultimo istante prima di morire
    Sol            Do             Lam              Re
ed io che pensavo continuasse a scherzare
Re4   Sol          Do           Lam     Re   Re4  Sol      
ma   l'unico / modo per / fare  è  fare  sul  serio
     Do     Lam           Re    Re4  Sol
ed ora /ricordo che piansi,per    lui,
  Do         Lam Re Re4 [Sol   Do   Lam   Re Re4] X2
piansi sul se        -        rio.

   Sol              Do         Lam            Re        Re4
Avevo fatto strada lavorando per il circo
      Sol               Do           Lam             Re
e quando dico strada non intendo la carriera
Re4 Sol               Do    Lam             Re     Re4
in - tendo strada vera, solo strada vera.
              Sol        Do        Lam              Re
Ho visto tutto il mondo girando in carovane,
      Sol               Do               Lam          Re
era come una famiglia, ci chiamavano i gitani,
     Sol             Do        Lam                Re
ho visto l'equatore poi case fatte in ghiaccio,
          Sol       Do          Lam        Re
io non ero l'acrobata, io ero il pagliaccio

            Sol              Do        Lam          Re    
e mi pagavano per piangere ridere e cadere,
    Sol        Do      Lam          Re
schiaffi, schiaffi e calci nel sedere
             Sol             Do              Lam        Re
ma il destino non deraglia per venirti a cercare
       Sol       Do       Lam        Re
"trovare i binari per farsi investire!"
   Sol           Do    Lam           Re
diceva mio nonno capo - stazione
       Sol          Do       Lam              Re
che vide da vicino le ruote di un vagone
     Sol         Do      Lam         Re
nell'ultimo istante prima di morire
    Sol            Do            Lam               Re
ed io che pensavo continuasse a scherzare
      Sol          Do           Lam    Re         Sol
ma l'unico / modo per / fare è fare sul serio
    Do      Lam              Re         Sol
ed ora / ricordo che / piansi per lui,
  Do        Lam Re    [Sol   Do   Lam   Re Re4] X2
piansi sul se     -     rio.

        Sol                   Do                Lam            Re
Berenice ha fatto un sogno in cui io ero suo fratello,
         Sol           Do           Lam           Re
disegnavo piedistalli in una ditta americana
    Sol               Do             Lam           Re
di busti e manichini,  non robusti ma carini
          Sol          Do               Lam            Re
e svegliatasi dal sonno non distinse più il reale
        Sol       Do                   Lam           Re
dall'onirico, stette lì un po’ in bilico poi decise
         Sol             Do            Lam                Re
di lasciarmi per il ben più celeberrimo domatore
     Sol       Do          Lam        Re
di leoni, parlando d'incesto, coraggio
          Sol          Do            Lam         Re
ed illusioni e seppur lei sembrasse del tutto
           Sol              Do              Lam            Re
convincente non cedetti, non crollai, non credetti
                Sol              Do              Lam            Re
proprio a niente e guardandola negli occhi / nascosti
           Sol     Do           Lam            Re          [Sol   Do   Lam   Re] (Rirmo Mazurka)
fra i capelli di colpo diventai un lanciatore di coltelli...

       Sol                  Do          Lam             Re
Berenice andava uccisa per il suo modo di fare,
     Sol               Do           (Solo Voce)              (Ripresa ritmata)
da sempre un indecisa che può fare molto male
                Sol               Do            Lam             Re
quindi ammetto son colpevole ma per     autodifesa,
  Sol        Do          Lam                      Re
dieci coltellate, per due le ho chiesto scusa,
          Sol             Do        Lam           Re
io pensavo che lei fosse il treno da cercare
   Sol        Do          Lam           Re
rideva pensava io volessi scherzare
       Sol         Do            Lam     Re         Sol
ma l'unico / modo per / fare / è fare sul serio
    Do    Lam           Re         Sol
ed ora ricordo che piansi per lei, piansi sul serio.
  Do        Lam Re    [Sol   Do   Lam   Re] X2
piansi sul se     -     rio.

(più dolcemente)
       Sol            Do             Lam           Re
Non cito questi fatti per smuovere clemenza
       Sol           Do          Lam               Re
ma per unire i pezzi d'un vaso che si è rotto
               Sol           Do   Lam              Re
per sommarsi di fratture, anche s'era duro,
      Sol         Do                Lam       Re
magari inaffidabile come in bilico sul letto
           Sol                Do              Lam              Re
di mia nonna, non la vedova quell'altra, che la notte
          Do          Lam           Re
si produce in perfette imitazioni di biplani
         Sol         Do                Lam    
del diciotto ma io non sono matto...
Re                 Sol      Do                 Lam
io non sono matto... io non sono matto!
Re              Sol   Do Lam     Re
io non so... A  -  ah   o - o - ah!
Sol                 Do      Lam               Re
io, non sono matto, no non sono matto!
Sol                 Do    Lam     Re
io, non sono matto, I     -    i
Sol                 Do    Lam               Re
io, non sono matto, io non sono matto!
Sol                 Do    Lam        Re
io, non sono matto, io     /    non...
Sol    Do     Lam    Re
io   -   o   -   a   -   ah!
Sol    Do      Lam     Re              Sol (Chiude)
io   -   o         o        oh   no!

Nessun commento:

Posta un commento