Scritta

Scritta

domenica 30 dicembre 2012

Max Gazzè - La Moglie del Poeta

Sib Sib7+ Sib Sib7+ Solm Rem7 Solm Rem7
Sib                              Solm
Ti ritrovo in bilico d'apnea
Dom
le mani strofinacci
            Mib               Fa
che di nuovo sei in balia
                           Solm
di una rima che allacci.
Re                          Sim
Di parole si può vivere
           Mim
mi hai detto stamattina
                 Sol
mentre un sole stretto
Solm          Re
apriva nuvole.

  La                                   Mim
Come sono quando pensi a me?
       La                                   Sol
Un nome, un suono di due sillabe?
       Solm
O il centro di un qualcosa
                   Re
che non si crea?
    La
L'istinto a cui si è arresa
              Mim
ogni tua idea?
    Sol                                                Re
Potessi amore esser nemmeno una donna ma il punto esatto del foglio
  La                                          Solm Rem7 Solm Rem7 Sib Sib7+ Sib Sib7+
dove ti scivola nero il tratto di penna
   Re                                 Sim
Sbuco da un riflusso di pazzia
     La
e muto adesso, tu di ghiaccio,
 Sol               Mim                       Re
sembri già in balia di un altro abbraccio.

  La                                     Mim
Cos'è un uomo senza più realtà...
      La                                   Sol
Un nome, il suono di una pagina...
         Solm                                           Re
Sei il centro di un qualcosa che non si crea...
     La                                          Mim
L'istinto a cui si è arresa ogni mia idea.
              Sol                                             Re
Ma se potessi amore soffiarti via quel pensiero
                                                 La
che a tratti mi pare ti toglie il respiro...
                         (Solm Rem7 Solm Rem7 Sib Sib7+ Sib Sib7+) (X3) Solm (Chiude)
e la moglie dagli occhi.

Nessun commento:

Posta un commento