Scritta

Scritta

venerdì 11 gennaio 2013

Daniele Silvestri - Sulle rive dell'Arrone


Mim Lam7   Mim Lam7
Mi         Lam7 Mi Lam7                                 Mi   Lam7 Mim Lam7
Scusami                                sono un po' confuso
                    Mi     Lam7                    Mi  Lam7                             Mi Lam7(Stop)
dopo i trent'anni dicono che sia normale       che succede a tutti                      nessuno escluso
Mi    Lam7                      Mi     Lam7
    e meno male che ho l'istinto e l'abitudine
Mi    Lam7                   Mi          Lam7
    ad arginare questo vuoto di inquietudine
Mi     Lam7                     Mi               Lam7
   perché se avessi meno cose per cui correre
    Mi                     Sib  
dovrei guardare in faccia il buio
Mi              Lam7
    farmi raggiungere

  La                                       Si                              Mi
Pesano senz'altro i miei trascorsi  sulle rive dell'Arrone
                                   Do#m                               Re
in questo modo di guardarsi da una nuova angolazione
                             Sol#m                        Do#m7
pesa il fatto di non essere coperti dal segnale
                    La                         Lam
e non è niente male ma non è niente male  Ma c'era lei

Mim Lam7   Mim Lam7
(c'era lei c'era lei c'era sempre lei)
                 Mi   7   Mi   7                            Mim  7 Mim 7
è vero era lei                       la mia destinazione
                            La                            Lam
io come un pendolino verso la sua stazione
                  Mi   7   Mi       7                   Mim  7 Mim 7
era davvero lei             vi sembrerà scontato
                               La                             Lam
ma non si vede un velo   finchè non s'è levato
                  Mi   7   Mi       7                 Mim  7 Mim 7
è vero era lei                   tutta la sofferenza
                  La                                     Fa#
lei era malattia e poi e poi e poi convalescenza
                   Mi                             Mim
era soltanto lei a dare un ritmo al tempo
                       La                        Lam
lei che rubava luce     e regalava           vento
                               Do#m                     Fa#m7
E fu per lei che un giorno   si inventò l' inferno
                     Do#m                        Fa#m7
il senso più malato       della parola eterno
                    Do#m                  Fa#m7
si è vero era lei      tutta la sofferenza
           Do#m                                  Fa#m7
lei era malattia e poi e poi  e poi convalescenza
                       Mi                  La
Ed era sempre lei  la mia filosofia l'integralismo puro
                        Mi
la vera ortodossia e ancora lei la nota
                                       La                                                            Do#        Sol# Fam                    
che ho sempre avuto in testa la bocca disegnata  dalla mia mano destra
Do#                        
  E meno male che ho l'istinto e l'abitudine
Dom                            Fam        
   ad arginare questo vuoto di inquietudine
Mim  Sol#m        La
                    Dovrei guardare in faccia il buio farmi raggiungere

  La                                       Si                              Mi
Pesano senz'altro i miei trascorsi  sulle rive dell'Arrone
                                   Do#m                               Re
in questo modo di guardarsi da una nuova angolazione
                             Sol#m                        Do#m7
pesa il fatto di non essere coperti dal segnale
                La                             Lam
e non è affatto male ma non è affatto male
               
                 Mi   7   Mi   7                            Mim  7 Mim 7
è vero era lei                       la mia destinazione
                            La                            Lam (Chiude Sospesa)
io come un pendolare verso la sua stazione

Nessun commento:

Posta un commento