Scritta

Scritta

domenica 22 dicembre 2013

Lucio Dalla - Canzone


Do*
Do7+

Intro:  Do*    Fa    Do    Fa    (X2)

Do*                                     Fa
     Non so aspettarti più di tanto Ogni minuto mi dà
Do                                Fa
      L'stinto di cucire il tempo E di portarti di qua

Stacco:  Do*    Fa    Do    Fa

Do*                                           Fa
        Ho un materasso di parole    Scritte apposta per te
Do                                  Fa                 Sol
        E ti direi spegni la luce   Che il cielo c'è

Do                            Fa           Sol
     Stare lontano da lei non si vive
Do                        Fa          Sol
     Stare senza di lei mi uccide

Do*                                    Fa
        Testa dura testa di rapa Vorrei amarti anche qua
Do                                      Fa
      Nel cesso di una discoteca O sopra il tavolo di un bar

Stacco:  Do*    Fa    Do    Fa

Sol                                           Sol7
    O stare nudi in mezzo a un campo
                                  Do
A sentirsi addosso il vento
                                  Fa                        Sol
Io non chiedo più di tanto Anche se muoio
             Do                        
son contento                          Fa            Sol
                   (Stare lontano da lei non si vive)
Do                        Fa          Sol
     Stare senza di lei mi uccide

 Do7+      Fa              Sol7
Canzone cercala se puoi
Rem7      Sol                  Do
dille che non mi perda mai
 Do7+         Fa                    Sol7
va' per le strade e tra la gente
Rem7    Sol              
diglielo veramente

Do*                                   Fa
     Io i miei occhi dai tuoi occhi Non li staccherei mai
Do                                  Fa                            
     E adesso anzi me li mangio Tanto tu non lo sai

Stacco:  Do*    Fa    Do    Fa

Sol                                    Sol7
      Occhi di mare senza scogli
                                 Do
Il mare sbatte su di me
                                             Fa                  
Che ho sempre fatto solo sbagli
               Sol                Do
Ma uno sbaglio che cos'è                        Fa            Sol
                                    (Stare lontano da lei non si vive
Do                        Fa         Sol
     Stare senza di lei mi uccide

Do7+      Fa              Sol7
Canzone cercala se puoi
Rem7      Sol               Do
dille che non mi lasci mai
 Do7+         Fa                    Sol7
va' per le strade e tra la gente
Rem7    Sol              
diglielo dolcemente

Stacco:   Sol      Do      Fa  
               Do*    Fa    Do    Fa

Sol                                 Sol7
      E come lacrime la pio - ggia
                           Do
Mi ricorda la tua faccia
                              Fa
Io la vedo in ogni goccia
             Sol             Do
Che mi cade sulla giacca                         Fa            Sol  
                                    (Stare lontano da lei non si vive
Do                        Fa          Sol
     Stare senza di lei mi uccide

Do7+        Fa             Sol7
Canzone trovala se puoi
Rem7      Sol                 Do
dille che l'amo e se lo vuoi
 Do7+         Fa                    Sol7
va' per le strade e tra la gente
Rem7    Sol              
diglielo veramente
Rem7                             Sol
         non può restare indifferente
Rem7                            Sol
        e se rimane indifferente non è lei

Do                           Fa            Sol
     Stare lontano da lei non si vive
Do                        Fa         Sol
     Stare senza di lei mi uccide
Do                           Fa            Sol
     Stare lontano da lei non si vive
Do                        Fa         Sol  Sol7      Do  (Chiude)
     Stare senza di lei mi ucci - de

1 commento:

  1. Ciò che unisce i geni è la ricorsività. Il moltiplicarsi dell’immagine di un oggetto posto tra due specchi piani paralleli è una tipica situazione ricorsiva. Effetto ottico che i geni, in vari modi, ricreano nelle loro opere. Situazione propizia dal punto di vista intellettuale ma pericolosa dal punto di vista psicologico. L'artista genio e un po' folle Lucio Dalla, (Roversi ricordava le sue "pazzie", un po' come il Vasari ricordava quelle di Leonardo da Vinci), rientrava in tal genere. Nel suo videoclip della canzone Ciao, inizia con un'inquadratura su una spiaggia in cui l'artista e due suoi amici suonano e cantano la canzone, ampliando l'immagine si scopre essere una battigia costruita su un bastimento che solca i mari del mondo, riprendendo i temi della canzone. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo. "Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo". Grazie.

    RispondiElimina